Ottimizzazione per mobile? Un fattore di ranking rilevante!

GOOGLE DA DIVERSI MESI HA RESO L’OTTIMIZZAZIONE PER MOBILE UN FATTORE DI RANKING SEMPRE PIÙ RILEVANTE, PREMIANDO NEI RISULTATI DI RICERCA I SITI RESPONSIVE OTTIMIZZATI PER LA NAVIGAZIONE DA TABLET E SMARTPHONE

prova-2

Adesso finalmente abbiamo avuto la conferma, come ha scritto lo stesso Google: ” I siti non responsive, non compariranno più nelle SERP di Google quando la ricerca viene effettuata tramite tablet o smartphone”. Sicuramente questo cambiamento sarà gradito dai navigatori in mobilità, che avranno pagine ottimizzate per i loro dispositivi. Ma per i possessori di siti non responsive questa decisione di Google potrebbe determinare una pesante riduzione del traffico e di conseguenza gravi ripercussioni sul business.

Ma cosa significa avere un sito responsive? Un sito è responsive quando riconosce automaticamente il dispositivo dell’utente e si adatta a seconda delle sue dimensioni (smartphone, teblet, desktop), quindi con contenuti, colonne, menù e griglie flessibili. Sarebbe infatti più corretto parlare, piuttosto che di sito, di design o template responsive. In sostanza si ha un unico sito per servire sia i dispositivi desktop che quelli mobile. Il codice html così come l’indirizzo di una pagina è sempre lo stesso, noteremo solo una visualizzazione diversa a seconda della dimensione del nostro display.

Dal 21 Aprile 2015 è dunque necessario adeguare il proprio sito web e renderlo idoneo alla navigazione da tablet e smartphone. Il mobile infatti è diventato negli anni una fetta fondamentale del traffico dei siti. Addirittura più del 60% delle ricerche oggi vengono effettuate proprio da dispositivi mobili; per cui non dobbiamo stupirci se la massima attenzione di Google si sia rivolta in questi ultimi tempi nei confronti degli utenti che navigano tramite questi dispositivi.

Le caratteristiche Mobile-Friendly di un sito sono oggi diventate ufficialmente un fattore di ranking per i motori di ricerca Google in tutto il mondo, citando proprio quanto sottolineato dal colosso di Mountain View “will have a significant impact in our search results”. Tuttavia l’impatto sarà solo sulle SERP mobile (non desktop), ma bisogna comunque ricordare che l’usabilità, intesa come velocità del sito e gerarchia/visibilità dei contenuti, fa comunque parte dei fattori di posizionamento presenti anche all’interno della parte dell’algoritmo Desktop di Google.

Sembra comunque ormai chiaro che ottimizzare un sito per le differenti dimensioni degli schermi sia diventato uno step imprescindibile nella realizzazione di un sito web. L’obiettivo principale è rispondere alle esigenze di accessibilità degli utenti. In questo modo il visitatore che accede da tablet e smartphone, può vedere i contenuti presenti ottimizzati a seconda delle dimensioni del proprio device.

E tu? Hai un sito responsive? Ancora non lo sai? Prova a vedere se il tuo sito passa il test responsive di Google!
È un test che Google mette a disposizione di coloro che vogliono verificare se un sito web rispecchi o meno certi parametri di navigabilità sui dispositivi mobili quali smartphone e tablet.
Puoi provalo qui: https://www.google.com/webmasters/tools/mobile-friendly

Se risulta che non disponi ancora di sito mobile friendly, è il momento di correre ai ripari! Se non sai dove mettere le mani per adeguare il tuo sito, non ti preoccupare, noi lo adegueremo per te! Non rischiare che il tuo sito venga tagliato fuori da Google, contattaci e ti faremo una proposta in grado di rivoluzionare l’esperienza di navigazione dei visitatori del tuo sito su ogni dispositivo!

You may also like...

Lascia un commento