ARF! Festival – 100% FUMETTO!

ARF! Festival 2017 La Pelanda - MACRO Testaccio - Roma

Cover della pagina Facebook di ARF! Festival 2017

Da tre anni a questa parte, al MACRO – Testaccio, nel padiglione La Pelanda dell’ex mattatoio di Roma, ogni maggio si tiene un festival del fumetto che finalmente riporta come protagonista il fumetto stesso, fatto da chi ama il fumetto, per chi ama il fumetto e chi lavora nel campo del fumetto…

Se ne sentiva la mancanza dal momento che in molte mostre mercato nominalmente incentrate su questa arte, che ultimamente fioccano come funghi in tutta Italia, alla fine risulta qualcosa di molto marginale rispetto a gare cosplay e gadget.
Sia chiaro, colei che scrive non ha niente contro questi aspetti delle fiere di settore, anzi, è la prima che apprezza una buona interpretazione o reinterpretazione di un personaggio o la statuina introvabile, ma alle volte quello che dovrebbe essere l’argomento principale viene soffocato sotto valanghe di persone in costume per lo più venute per tutt’altro che per parlare di Fumetto.

Ecco, ARF! Festival dà veramente l’impressione di nascere per mettere in mostra le storie e i disegni, il raccontare tramite scrittura e immagini, e lo fa in un luogo degno di questa arte, ovvero il Museo d’Arte Contemporanea di Roma.

Quest’anno il programma di ARF! è ricco di eventi pensati sia per i professionisti di settore che per il pubblico appassionato di fumetto.

Sono già state presentate tre delle mostre incluse nel biglietto del festival: “Grandi Poteri” è la mostra delle tavole di Sara Pichelli realizzate per la Marvel e per progetti personali; in “Mickey by Glénat” potrete vedere le tavole e illustrazioni originali realizzate da Cosey, Keramides, Loisel e Tébo reinterpretando il Topolino Disney con il loro “french touch” per i 4 volumi Glénat; “GIGI CAVENAGO – Storie di fumetti, colori e altri incubi” porta in mostra il percorso artistico dell’autore dagli esordi alla consacrazione con Dylan Dog; poi collegato al festival ma a cui si accede con l’acquisto di un biglietto a parte potrete visitare anche la mostra MACROMANARA che rimarrà aperta dall’apertura del festival fino al 9 luglio 2017 in cui potrete ripercorrere l’intera carriera del fumettista veronese e scoprire le opere più recenti.

I bambini sotto i 12 anni accedono gratuitamente al Festival e vi è un settore a loro dedicato “ARF! Kids” con un ricco programma di laboratori creativi, disegni, letture ad alta voce, giochi e libri a disposizione.

Se siete interessati alle novità che si affacciano sul mondo del fumetto, oltre alla mostra principale non perdetevi la “Self ARF!” area a ingresso gratuito dove potrete trovare le auto-produzioni di tutto rispetto (chi troverete in quest’aera è passato da una rigorosa selezione effettuata dall’organizzazione dell’evento) di autori singoli, collettivi e associazioni. Potreste scoprire delle vere chicche e un giorno dire “Io lo seguivo da quando era ancora uno sconosciuto”, che poi tanto sconosciuti non sono, alcuni di questi autori hanno grande seguito su internet!

Se volete conoscere di persona alcuni degli artisti più conosciuti del momento passate dal “ARFist Alley“, potrete ammirare alcune loro tavole originali, farvi fare autografi o magari commissionare un’opera tutta per voi dalle loro mani sapienti.

Per coloro invece che sono nel campo fumetto il festival ha creato due importanti occasioni: il “Job ARF!” per favorire l’incontro tra autori e editori, e le “MasterclARF!” ovvero otto imperdibili masterclass tenute da undici stelle del Fumetto.

Tutto questo è solo quello che accade nei tre giorni di festival (26-27-28 maggio 2017) ma durante tutto l’anno vengono organizzati eventi legati all’ARF! che vengono riuniti sotto il titolo “Road to ARF!” e sono mostre, laboratori didattici, lezioni tenute da maestri del fumetto e partecipazioni ad altre mostre.

L’impegno dell’organizzazione del festival, per dare al fumetto la rilevanza che merita nel campo dell’arte e del design durante tutto l’anno, è evidente, da appassionata di fumetti hanno tutta la mia stima.

Isil

You may also like...

Lascia un commento