Aggiornamento a Windows 10

AGGIORNAMENTO A WINDOWS 10: INSTALLARLO O NO? GRATIS O A PAGAMENTO?

w10

Tutte le volte che accendete il vostro PC vi compare una finestra in cui Windows vi invita ad effettuare l’upgrade? Vi dice anche che il vostro PC è compatibile con la nuova versione Windows 10? Bene, molto probabilmente vi starete chiedendo cos’è questo aggiornamento, cosa comporta, e se ci sono dei pro o dei contro rispetto alla vostra versione con cui fino ad adesso vi siete trovati più che bene.

Diciamo subito una cosa: l’aggiornamento a Windows 10 è gratuito e pressoché la totalità dei PC ancora in circolazione è compatibile, inoltre eseguire l’upgrade è notevolmente semplice. Chiunque voglia aggiornare ha tempo fino al 29 giugno 2016 per non dover pagare 99 dollari o 199 dollari per una licenza di, rispettivamente, Windows 10 Home o Windows 10 Pro. Chiunque abbia installato l’aggiornamento in questo primo anno avrà poi il pieno supporto durante tutto il ciclo vitale di Windows 10. Dal 30 giugno 2016, invece, sarà necessario acquistare una licenza.

Si parla di Windows 10 come “l’ultimo Windows” poiché si presume che non ci sarà Windows 11: le funzionalità verranno aggiunte sul pacchetto base di Windows 10 e verranno espanse gradualmente, ad esempio con l’aggiornamento Redstone previsto nel 2016. In merito, Microsoft ha tolto l’abitudine del “patch Tuesday“, ossia di martedì come giorno della settimana in cui vengono distribuiti gli aggiornamenti; tale tradizione si è persa e ogni giorno è buono come l’altro.

A questo punto la domanda è: è veramente opportuno aggiornare oppure è meglio rimanere legati a Windows 7 o Windows 8? Alcuni potrebbero dire che se il PC funziona bene con Windows 7 o con Windows 8.1, meglio lasciarlo come sta e continuare ad usarlo per evitare ogni possibile problema. Alla fine se una cosa non è rotta, perchè aggiustarla? Quello che possiamo dire con certezza è che questo nuovo aggiornamento porta sicuramente novità interessanti e quella ventata di freschezza che un appassionato di tecnologia non può davvero ignorare! Tuttavia anche se Microsoft avrà fatto tutte le prove e reso il processo di installazione di Windows 10 sicuro, non si può escludere però che su un particolare computer si verifichino errori o problemi. I PC sono tutti diversi, vecchi e nuovi, con parti interne differenti, più o meno potenti. In particolare, se chi ha Windows 8 non dovrebbe avere problemi, chi ha Windows 7 su un PC di 4 o 5 anni fa potrebbe trovare problemi con i driver e la compatibilità di alcuni dispositivi hardware.

Riassumendo a nostro modo di vedere il punto è che:
– chi ha Windows 8.1 troverà un netto miglioramento e, al contempo, non dovrebbe avere problemi nell’aggiornare subito il PC con Windows 10.
– chi ha Windows 7 invece può attendere qualche mese in modo che eventuali errori comuni siano risolti da ulteriori aggiornamenti al sistema.
– chi ha un PC Windows 7 piuttosto vecchio, di 5 o più anni fa, che funziona ancora bene, non dovrebbe installare Windows 10 ora e mai perchè può rischiare di rendere quel computer instabile e improvvisamente obsoleto.

Se non sei ancora convinto del nuovo upagrade Windows e vuoi sapere nello specifico le novità di Windows 10, i pro e i contro, contattaci e ti indicheremo la soluzione più giusta per te e il tuo PC!

You may also like...

Lascia un commento